CREDI ANCORA AL FAI-DA-TE?

Sei ancora convinta che le fette di cetriolo sugli occhi siano efficaci contro le rughe peri oculari? 

Sul web in questo periodo sono tornati di gran voga tra le beauty blogger i rimedi casalinghi contro le rughe come le maschere derivate da mix di alimenti e le storiche fette di cetriolo sugli occhi.

Ovviamente questi rimedi mantengono un grande fascino nella mente di ogni donna ed in molti casi portano anche qualche risultato visibile temporaneo.

Mancano però di una caratteristica essenziale che non le avvicinerà MAI ad un cosmetico: il piacere nell’utilizzo! 
 

Immagina di arrivare a casa dopo il lavoro alla sera: tagli due fette di cetriolo e ti stendi per mezz’ora ad occhi chiusi …e poi immagina invece di arrivare finalmente nel tuo bagno alla sera, ti lavi il viso e applichi una morbida crema contorno occhi che nutre la pelle senza ungerla.

Un pò diversa la scena non credi?!

Tra l’altro la crema nutriente contorno occhi che ti metti, ti protegge durante il giorno dal freddo, dal caldo e dal vento, evitando che la pelle del contorno occhi si assottigli ancora di più mostrando le micro rughe, occhiaie e capillari.

Questa zona infatti è la prima del viso che viene segnata dalle rughe perchè ha uno spessore minore e non è coperta da grassi di protezione (non li produce).

Questa condizione si aggrava nel mondo delle pelli secche che necessitano di attenzioni più specifiche.

Aggiungere la crema contorno occhi alla tua crema viso abituale non è un’azione dettata dalle strategie marketing del mondo della cosmesi che vogliono farti spendere di più, ma un gesto necessario perchè la crema contorno occhi deve essere PIU’ nutriente della crema viso, sempre. 

Quindi stringi i denti e scegli la crema contorno occhi più adatta al tuo tipo di pelle e consolati pensando che ne basta pochissima e il vasetto durerà più di quello delle altre creme.

 

Come sempre, se hai qualche dubbio sul contenuto di questo articolo, scrivimi in chat o a info@curapelleseca.it
A presto!
Giulia Nascimbeni

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *